Interior design - Arredamento, Italiano

Il parquet in bagno – l’estremizzazione

 

La posa del parquet negli interni è un trend ormai consolidato da anni anche qui in Italia. Personalmente amo i pavimenti in parquet, da tutti i punti di vista. La bellezza di un pavimento in legno non consiste solo nella sua resa estetica o nel senso di calore ed intimità che riesce a dare agli ambienti, ma soprattutto nelle sensazioni tattili che ci regala.

 L’esperienza tattile del camminare scalzi su un parquet è qualcosa di magico.

Per questo motivo non apprezzo assolutamente il grés porcellanato effetto legno, trovo che sia un prodotto senza senso. Del legno non ha nulla, non dona ‘calore’ agli ambienti, si capisce immediatamente che non è legno, è freddo al tatto è una mattonella! Neppure l’aspetto è quello del legno in realtà…  stesso discorso vale per i laminati, molto più diffusi rispetto al grés… ma questa forse è una deviazione da architetto (il concetto di “falso” è un tema molto delicato per gli architetti!)

Molti clienti spesso mi chiedono consigli su se posare il parquet nei bagni, locali notoriamente umidi. Si sa che il legno utilizzato per gli scafi delle barche è trattato con prodotti specifici che garantiscono l’impermeabilità, tuttavia nei pavimenti in parquet questi tipi di trattamenti non vengono fatti.

Un pavimento di parquet posato in bagno necessita di qualche accortezza in più. L’acqua, infatti, se non ristagnante, non danneggia il parquet. É quindi molto importante asciugare il pavimento se si bagna. Naturalmente, per una buona durabilità nel tempo, é consigliabile scegliere specie legnose più stabili che a contatto con l’umidità deformino più difficilmente come  teak, iroko, doussiè e merbau.

Recentemente mi sono imbattuta in un articolo che potrei definire come L’estremizzazione del parquet nel bagno. L’architetto norvegese Johanne Taugbøl, dello studio di architettura Architecture + Design Wood, ha voluto provare personalmente la posa del parquet come rivestimento nell’area doccia!

Pavimento e rivestimento in parquet.   © Foto: Espen Grønli.

Il parquet utilizzato, anche se di legno, non è di tipo ordinario. Il motivo per cui ha proprietà così resistenti è che il materiale, in questo caso, frassino americano, è stato trattato termicamente per sostenere l’ambiente umido. La capacità delle fibre del legno di assorbire l’umidità è stata notevolmente ridotta. Il pavimento speciale chiamato Termoask, è fornito dalla ditta norvegese Moelven.

Ovviamente anche la posa è particolare, si deve utilizzare un collante specifico con proprietà impermeabili ed antibatteriche che sigilli tutti gli angoli e le fughe tra i listelli.

Il legno è sia visivamente che dal punto di vista tattile più caldo rispetto alla ceramica. Colpisce anche l’acustica, il riverbero diminuisce rispetto ad un bagno piastrellato. È come essere in un centro benessere ogni giorno!
– Johanne Taugbøl –

© Foto: Espen Grønli

Pur non negando di trovare interessante l’idea io non rivestirei una doccia in legno, voi cosa fareste?

via: BONYTT